Migliori contapassi a braccialetto di Ottobre, 2021: prodotti, recensioni, modelli e costo

L’avvento del tech fitness ha cambiato la vita di appassionati e di neofiti. Il classico “far movimento” ha trovato nuova linfa vitale, grazie all’utilizzo di nuovi prodotti che continuano ad essere tra i più scelti tra i consumatori.

Fare sport o attività fisica, ovviamente, non richiede alcun particolare gadget. Se escludiamo un abbigliamento consono, più utile a gestire la sudorazione ed a garantirci una buona comodità, i gadget, sopratutto quelli tecnologici, sembravano quasi superflui.

Eppure, nel corso dell’ultimo decennio ecco che proprio i gadget tecnologici si sono imposti, anche in ambito sportivo. Non hanno trovato terreno fertile solo nella comunicazione, nell’intrattenimento, ma anche nello sport di ogni genere.

Qualcuno la chiama invasione, qualcun altro lo definisce progresso. Senza addentrarci nei meandri di una discussione filosofica che non ci compete, bisogna prendere atto che questi oggetti non solo esistono, ma sono anche molto utilizzati e desiderati. Specialmente dopo l’imponente ammodernamento che hanno subìto.

Non più oggetti di grandi dimensioni, scomodi da indossare ed alimentati con quattro, sei o più batterie stilo. Oggi parliamo di oggetti estremamente piccoli, leggeri, maneggevoli. Come, ad esempio, i moderni contapassi a braccialetto.

Un settore rivoluzionario

Il concetto di fitness band è relativamente recente, e non è nato pensando direttamente al fitness. Incredibile a dirsi, ma questi particolari prodotti molto apprezzati e diffusi inizialmente non dovevano esistere per come li conosciamo.

Dovevano infatti far parte di un più complesso programma, che li rendeva disponibili e fruibili su altri dispositivi: gli smart watch. Sono loro ad aver dato vita a questi braccialetti, divenuti in breve tempo i preferiti.

Al giorno d’oggi, questi due prodotti sono quasi identici, ed a livello di percezione il consumatore li intende come oggetti simili. Tuttavia continuano ad essere differenti, sopratutto a livello di design e forma. Le fitness band, più piccole ed affusolate, non hanno quadrante e spesso non hanno neppure uno schermo, a differenza degli smart watch. Anche per questo il loro costo è generalmente inferiore.

Cosa fanno di preciso questi oggetti? Nati come semplici contapassi da polso, o “a braccialetto”, hanno finito per inglobare tutta una serie di funzionalità aggiuntive. Ovviamente, l’utilizzo principale è dato proprio dal contapassi, coadiuvato dall’uso dir ilevatore gps e sensori vari.

Trovandosi al polso, questi braccialetti sono in grado di monitorare il battito cardiaco: si tratta di una funzione utilissima, specialmente per chi corre in maniera agonistica e vuole monitorare il livello di stress. Inoltre, permettono di misurare l’ossigeno nel sangue e diversi altri parametri salutari, che non fa mai male sapere.

La potenza della connessione

Come già spiegato, la grande differenza con gli smart watch consiste nella presenza di uno schermo estremamente ridotto, che in alcuni casi è proprio assente. Come fare dunque a monitorare i propri progressi, il proprio andamento, il numero di passi e tutto il resto? Semplice: con il proprio smartphone.

Questi particolari contapassi sono infatti dotati di connessione wireless, spesso via bluetooth, e si interfacciano in maniera diretta con il nostro telefono. E li che trasmettono e salvano i nostri dati, spesso sfruttando particolari applicazioni che monitorano proprio l’attività fisica.

Questa condizione si verifica anche se il contapassi ha uno schermo, perché non sono dotati di grandi memorie. Anche per questo i dati vengono preferibilmente trasmessi su smartphone o su servizi online esterni, dove sarà possibile salvare e monitorare i propri progressi in qualsiasi momento. Un modo intelligente per salvare i propri parametri e valutare l’andamento nel tempo, utile a professionisti ed appassionati.

Bisogna dunque considerare che, al momento di svolgere una particolare attività fisica o sportiva, questo influenzerà sulla carica dei nostri dispositivi. Sia il contapassi a bracciale che il nostro smartphone saranno in funzione, e scaricheranno la loro batteria più velocemente. Per questo è bene verificare il livello di carica prima di mettersi in movimento, al fine di non perdere i progressi fatti.

In estrema alternativa, sarà possibile utilizzare delle power bank portatili, che tuttavia potrebbero risultare molto scomode vista la posizione del braccialetto, fisso al polso. Megli evitare quindi situazioni letteralmente scomode.

Monitoraggio accurato e migliorato

Il grande vantaggio del contapassi a braccialetto è dato dal fatto che il monitoraggio ed il conteggio dei passi è molto più accurato rispetto ad altri contapassi. Pur vigendo la regola del calcolo in difetto, che dunque tenderà a non contare eventuali movimenti incompletti o mal percepiti, è difficile che questo avvenga.

Il posizionamento al polso è studiato appositamente per calcolare l’oscillazione del braccio, che sommata ai dati rilevati dal braccialetto ed eventualmente dallo smartphone riesce a definire in maniera quasi impeccabile il numero di passi effettuati. A differenza di altri modelli altrettanto accurati, il contapassi a bracciale è considerato tra i più precisi in assoluto.

Tale risultato è dovuto a più fattori, tra i quali influisce certamente la connessione al nostro smartphone, che grazie ai suoi sensori riesce ad “ampliare” la percezione del nostro braccialetto. La somma di questi calcoli ci restituirà calcoli impressionantemente fedeli ai passi realmente svolti, e sopratutto mai in eccesso ma sempre in difetto. Una condizione, questa, molto apprezzata da professinisti ed amatori.

I moderni bracciali sono realizzati in materiale resistente e duraturo, capaci di non rompersi alla prima botta e sopratutto di resistere anche alle sudorazioni più copiose. Si tratta di oggetti che, in alcuni casi, possono essere usati anche in acqua, e permettono di monitorare il nuoto ed ulteriori attività all’aperto.

Insomma, non si tratta più solo di un contapassi… a meno che non vogliate proprio un semplice contapassi. Sappiate che in tal caso esistono dei particolari prodotti che sembrano in tutto e per tutto delle fitness band, ma non fanno altro che contare i passi. Una soluzione decisamente più limitata rispetto a quanto letto finora, ma pur sempre un’opzione percorribile, da scegliere in base alle vostre esigenze.

A proposito di esigenze, è arrivato il momento di parlare delle nostre tasche: quanto vengono a costare questi prodotti? Un semplice contapassi a braccialetto, senza particolari funzioni o sensori, è acquistabile a cifre comprese tra i 15 ed i 30 euro. Prodotti più prestanti, contapassi professionali e fitness band, invece, si trovano in vendita a partire dai 50 euro a salire, in base alle funzioni ed alle caratteristiche.

Back to top
menu
Contapassi per corsa